Tu sei qui

Comunità locali - iniziative

Il rapporto con la comunità locale
Essere "socialmente responsabili" significa per Acque SpA non solo operare per il miglioramento continuo dei servizi, la salvaguardia dell'ambiente e lo sviluppo sostenibile del territorio, ma anche comunicare la propria attività, rendicontare i livelli di servizio garantiti e le caratteristiche dell’acqua erogata, attivare canali innovativi per l’accesso ai servizi e promuovere il consumo consapevole e oculato della risorsa idrica nella comunità locale in cui opera. Numerose sono le iniziative realizzate in questo campo nel 2015.
 
Le associazioni dei consumatori
In merito a ciò che attiene le relazioni con gli utenti, che rappresentano poi anche la comunità locale in cui l’azienda opera, Acque SpA cerca costantemente di sviluppare un rapporto positivo e propositivo di confronto e collaborazione con le associazioni dei consumatori. L’azienda si offre di collaborare con tali associazioni estendendo i momenti di consultazione e le forme congiunte di verifica e monitoraggio sulla qualità dei servizi erogati. Il confronto sulle politiche di tutela dell’utenza (modifiche alla Carta dei Servizi e al Regolamento di tutela dell’utenza) trova i suoi canali privilegiati in forme di consultazione presso l’AIT, nelle quali l’azienda cerca di svolgere un ruolo attivo e propositivo. A livello aziendale, le Associazioni dei consumatori possono contare su canali dedicati per la presentazione di richieste scritte e/o reclami e sono coinvolte nei momenti di rendicontazione del lavoro svolto, come la presentazione del bilancio di sostenibilità.
 
Italia sicura
Acque SpA ha aderito al progetto Italia Sicura promossa dal Governo Italiano, il cui scopo è, tra gli altri, quello di favorire lo sviluppo delle infrastrutture idriche e mitigare gli interventi di rischio idrogeologico. Per questo progetto è stato richiesto, agli enti che operano sul territorio, un approccio di trasparenza sui cantieri aperti ed un monitoraggio sullo stato di avanzamento delle opere, visibile attraverso social network, il sito del governo e la comunicazione esterna dell’azienda aderente
 
Acqua Buona nelle scuole
Acqua Buona è un progetto di educazione civica oltre che sociale ed ambientale, rivolto principalmente al mondo della scuola. È nato nel 2007 con l’obiettivo di promuovere e valorizzare l’utilizzo di acqua di rubinetto nelle mense scolastiche in sostituzione della minerale, con conseguente riduzione del consumo di plastica e risparmio economico. Nelle scuole aderenti al progetto, Acque SpA provvede all’analisi periodica e gratuita delle caratteristiche chimico-fisiche e microbiologiche dell’acqua erogata, con divulgazione dei risultati presso le istituzioni locali. L’azienda provvede inoltre alla fornitura, sempre gratuita, di brocche e borracce per gli studenti. Al 31/12/2015 i Comuni aderenti al progetto sono stati 28, con circa 20.500 studenti dislocati in 172 istituti, a cui sono state fornite circa 7.000 brocche. 
 
Acqua Buona nei Comuni
Dal 2014 il progetto Acqua Buona ha allargato la propria iniziativa anche al di fuori dal contesto scolastico, ma sempre all’interno di istituzioni pubbliche. Attraverso un progetto specifico, sono stati installati i primi erogatori a colonna direttamente allacciati alla rete idrica, ubicati negli edifici comunali aperti al pubblico. Al termine del 2015 il numero totale di erogatori installati sono stati 24 di cui 4 presso gli uffici di Acque SpA.
 
Oblò
Anche nel 2015 è proseguita l’esperienza di Oblò, il periodico d’informazione idrica curato da Acque SpA la cui distribuzione quadrimestrale avviene con la bolletta recapitata presso tutti gli utenti del territorio servito. Lo scopo del progetto è quello di informare sull’attività dell'azienda, sulle novità collegate al servizio nel territorio, sull’acqua come bene, come risorsa primaria ed essenziale: una finestra aperta – un oblò, appunto – su temi che sono a cuore ai cittadini. Nel 2015, sono stati inviati tre diversi numeri di Oblò per circa 900mila copie in totale.
 
Acque Tour
Acque Tour è il progetto di educazione ambientale per le scuole, nato con l’obiettivo di diffondere tra i cittadini più giovani la conoscenza degli aspetti naturali e tecnologici del ciclo idrico, di accrescere in loro la consapevolezza del valore dell’acqua, di aiutarli a promuovere una cultura di rispetto e salvaguardia di questo bene primario. Giunto alla quattordicesima edizione, ha coinvolto nel 2015 oltre 5.000 studenti (dalla scuola dell’infanzia alla secondaria di secondo grado). Il progetto si è articolato in centinaia d’interventi da parte di esperti del settore, tra lezioni in classe, gite naturalistiche e visite guidate agli impianti ed agli acquedotti (fra cui le centrali idriche di Bientina e di Paganico, l’acquedotto storico di Asciano Pisano, i depuratori di Cambiano e di Uggia ecc.). Per i più piccoli sono state ideate soluzioni di apprendimento particolari che hanno utilizzato favole e laboratori teatrali per avvicinare i bambini al tema dell’acqua in modo semplice e spontaneo. Ogni anno vengono introdotte alcune novità: per il passato anno scolastico, ad esempio, alcuni laboratori hanno utilizzato la metodologia del gioco di ruolo ed hanno organizzato nuovi percorsi come quello storico e sensoriale. Ad Acque Tour è  abbinato il concorso Buona da Bere, che premia le classi che nel corso dell’anno hanno realizzato i migliori elaborati sul tema dell’acqua durante la festa finale che, nel 2015, si è tenuta al Teatro di Pontedera.
 
Cena in bianco con l’Associazione Italiana Persone Down Pisa
Nell'ambito dell'evento, teso a valorizzare i percorsi di formazione orientati all'autonomia lavorativa di persone con sindrome di Down nell'ottica del superamento dell'assistenzialismo, Acque SpA ha partecipato fornendo brocche di vetro per il consumo di acqua di rubinetto, erogata attraverso una fontaniera predisposta per l'occasione: una scelta fortemente condivisa con gli organizzatori col doppio scopo di promuovere una importante iniziativa di solidarietà ed uno stile di vita ecologico, etico e responsabile. 
 
Esposizione autoritratto Leonardo a Roma presso i musei capitolini
L’evento, sotto l’alto patronato della Repubblica Italiana, ha visto il patrocinio tra gli altri del Comune di Roma e del Comune di Vinci ed il sostegno, oltre ad Acque e ad Acea SpA, di importanti aziende nazionali. L’appoggio ad un evento nazionale di così alto valore artistico e culturale, è voluto essere un potente strumento di promozione e valorizzazione del nostro territorio.
 
Leonardo e l’Arno 
Acque SpA ha contribuito alla realizzazione dell’importante volume “Leonardo e l’Arno” a cura della direttrice del museo vinciano Roberta Barsanti, e che ha visto la partecipazione d’ illustri accademici studiosi di Leonardo. Acque SpA ha infatti sostenuto questa prestigiosa iniziativa editoriale poichè attraverso la conoscenza delle geniali intuizioni di Leonardo sull’acqua, si vuole accrescere la consapevolezza della centralità della scienza e dell’innovazione ai fini della regolazione e dell’utilizzo razionale della risorsa naturale più preziosa per l’uomo.
 
Acqua in bici
In occasione della Giornata Nazionale della bicicletta, Acque SpA ha messo a disposizione dei cittadini di Pisa, città partecipante all’evento, fontanieri ad utilizzo della cittadinanza partecipante, fedeli al principio del consumo dell’acqua di rubinetto e favorendo un risparmio sia economico, che ecologico.