Tu sei qui

Impegno Sociale

LAVORATORI
 
 
- La forza lavoro
 
Al 31.12.2015 i lavoratori dipendenti di Acque Servizi sono diminuiti di tre unità rispetto all’anno precedente. Acque Servizi ha confermato il ricorso ad un’occupazione stabile e tutelata. L’impegno è testimoniato dalla percentuale di dipendenti con contratti a tempo indeterminato (100%) e dall’inserimento di una unità con contratto a tempo determinato. Alla forza lavoro del 2015 si aggiungono due contratti di collaborazione riferiti agli amministratori già presenti anche nel 2014.  All'interno di questa società ci sono solamente due lavoratrici part time.
 
Il contratto di riferimento, per tutti i dipendenti è anche in questo caso il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro Gas Acqua. In Acque Servizi sono 5 i lavoratori appartenenti alle categorie protette (3 impiegati e 2 operai) erano otto nel 2014. 
 
Modifiche organizzative
 
Con la prima modifica organizzativa si è formalizzato il cambio della direzione tecnica. La seconda modifica organizzativa del 1/7/2015 è avvenuta come diretta conseguenza dell'accentramento nella capogruppo di tutte le attività di Amministrazione Finanza e controllo. Per questo motivo il personale che svolgeva queste attività in Acque Servizi è stato distaccato presso la capogruppo.
 
 
- Composizione del personale
 
Il 78% del personale è impiegato in mansioni operative e il 94% del personale è di sesso maschile in linea con la natura operativa della società.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Il 70% della popolazione aziendale si colloca nella fascia di età tra i 30 e i 50 anni ed un ulteriore 28% in quella oltre i cinquanta.
 
 
 
L'anzianità media aziendale è di 12 anni.
 
- Formazione erogata
 
Nel corso del 2015 sono stati realizzati 74 interventi formativi per un totale di 1.497 ore di formazione. In linea con le caratteristiche dell’operatività svolta dall’azienda, il 75% delle ore di formazione è stata erogata in materia di sicurezza. Il un tasso di copertura è pari al 94% del totale della forza lavoro.
 
 
La riduzione delle ore pro capite è legata alla conclusione del Progetto formativo in sviluppo manageriale, e alla conclusione del processo di adeguamento della formazione alle prescrizioni indicate dagli Accordi tra lo Stato e le Regioni in materia di sicurezza che ha costituito il 29% di tutta la formazione svolta nel 2014.
 
Gli infortuni
 
L’analisi del fenomeno infortunistico relativo all’anno 2015 evidenzia una riduzione degli infortuni rispetto agli ultimi tre anni ed attesta l’elevato grado di attenzione dall’azienda in materia di salute e sicurezza attuato attraverso le specifiche misure di prevenzione e protezione, formazione e vigilanza continua da parte dei preposti e dei responsabili di settore.
 
 
 
L’obiettivo aziendale è comunque quello di arrivare a zero infortuni.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Le cause degli infortuni, sono tutte o quasi da imputare ad una sottovalutazione di semplici lavorazioni, piccoli gesti e movimenti quotidiani. Una delle missioni aziendali è proprio quella di sensibilizzare gli operatori a porre la massima attenzione partendo proprio dalle piccole azioni quotidianamente svolte sul posto di lavoro (salire scendere dai mezzi, sollevare anche piccoli carichi, adoperare piccoli attrezzi manuali, elettrici ecc.). Si sottolinea che sia il numero che l’entità del danno subito dagli operatori di Acque Servizi a seguito di infortunio, se collocato nel quadro generale nazionale di aziende simili è sicuramente positivo. Nel 2015 c’è stata una sola richiesta di malattia professionale che non è stata accolta. 
 
 
- Compliance alla normativa di sicurezza
 
Nell’anno di riferimento non sono state pagate sanzioni per mancato rispetto di normative di sicurezza.
 
 
 

FORNITORI

- Gli approvvigionamenti

Il processo degli approvvigionamenti di Acque Servizi Srl è gestito in service dall’ufficio acquisti di Acque SpA utilizzando le stesse modalità operative e un albo fornitori qualificati di materiali, servizi e lavori unico. Sono 554 i fornitori con almeno una qualifica in corso di validità al 31 dicembre 2015 di cui il 40% qualificati nella sezione lavori.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Nel corso dell’anno sono stati emessi 3.011 ordini per un importo complessivo di oltre 17 milioni di euro. I fornitori a cui, nel corso dell’anno, è stato commissionato almeno un ordine sono 330. Nella tabella che segue si riporta il quantitativo di ordini per l’anno 2015 suddiviso per tipologia di contratto.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
- Le ricadute sul territorio 
 
Dalla tabella e dal grafico si evidenzia, in linea generale, la positiva ricaduta generata sul territorio servito si nota infatti come il 66% dell’ordinato sia ricaduto sul territorio del Basso valdarno e addirittura l’80% su quello toscano.
 
- Il contenzioso con i fornitori
 
Per quanto riguarda il contenzioso con i fornitori, l’unica controversia presente è stata definita in primo grado con la soccombenza di controparte e prosegue in appello. Tale controversia è relativa ad una richiesta di risarcimento danni per fornitura idrica impura.