Tu sei qui

Impegno Sociale

LAVORATORI
 
- La forza lavoro
 
Al 31.12.2015 la forza lavoro di Acque Industriali è composta da 30 unità, due in più rispetto all’anno precedente. Questo in conseguenza dell’ampliamento dell’attività commerciale di Acque Industriali, l’unica fra le aziende del gruppo che ha una parte dell’attività collocata sul mercato. Nel corso dell’anno non ci sono state cessazioni. Il tasso di turnover è pari a zero. Acque Industriali ha confermato il ricorso ad un’occupazione stabile e tutelata. L’impegno è testimoniato dalla percentuale di dipendenti con contratti a tempo indeterminato pari al 93%. Tutto il personale è inquadrato nel contratto collettivo nazionale FEDERGASACQUA.
 
Il numero di dipendenti appartenenti alle categorie protette è rimasto stabile nel corso del triennio considerato e corrisponde a due unità. Nel triennio considerato non ci sono lavoratori con contratto part-time.
 
- Modifiche organizzative
 
Con la prima modifica organizzativa si è formalizzato il cambio della direzione tecnica. La seconda modifica organizzativa del 1/7/2015 è avvenuta come diretta conseguenza dell'accentramento nella capogruppo di tutte le attività di Amministrazione Finanza e controllo. Per questo motivo il personale che svolgeva queste attività in Acque Industriali è stato distaccato presso la capogruppo.
 
 
- Composizione del personale
 
Il numero dei dipendenti appartenenti alle categorie protette è rimasto stabile nel corso del triennio considerato e corrisponde a due unità (un impiegato e un operaio).
 
La società è composta per l’87% da personale maschile e per il 60% da operai. Questo è giustificato dalla natura operativa della società.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Il 93% della popolazione aziendale si colloca sopra i 30 anni, indice di un progressivo invecchiamento della popolazione.
 
 
- Formazione erogata
 
Nel corso del 2015 sono stati realizzati 42 interventi formativi per un totale di 524 ore di formazione. Le ore pro-capite sono scese da 27 a 17 garantendo comunque la copertura formativa. Il 53% della formazione è stata erogata in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Risulta formato nel corso dell’anno il 102% dell’organico medio.
 
Gli infortuni
 
Nel ultimo triennio in Acque Industriali non si sono verificati infortuni professionali. Nel 2014 si era verificato un solo infortunio non di tipo professionale ma in itinere. Pertanto gli indici degli infortuni e il numero di giorni persi per infortunio risultano entrambi nulli. Non ci sono stati casi di morti sul lavoro, né sono state presentate domande per il riconoscimento di malattie professionali.
 
- Compliance alla normativa di sicurezza
 
Nell’anno di riferimento non sono state pagate sanzioni per mancato rispetto di normative di sicurezza.
 
FORNITORI
 
- Gli approvvigionamenti
 
Acque Industriali provvede in maniera autonoma all’approvvigionamento dei prodotti e servizi riconducibili alle peculiari attività aziendali per le quali si richiedono competenze e conoscenze tecniche necessarie al confronto dei fornitori, in modo da assicurare che i prodotti/servizi di cui si approvvigiona direttamente siano conformi ai requisiti della fornitura richiesta e in modo particolare ai requisiti relativi alla sicurezza sui luoghi di lavoro e di tutela verso l’ambiente. Nei casi di approvvigionamento diretto tra Acque Industriali e il fornitore si procede con il processo di qualificazione e monitoraggio secondo le fasi definite nella specifica procedura aziendale di riferimento.
 
Per tutti gli altri acquisti (ad esempio cancelleria, corsi di formazione, carburante, materiale hardware e software) Acque Industriali si avvale dell’Ufficio Acquisti della capogruppo Acque SpA con modalità in service. In questo caso i fornitori sono inseriti nell’albo fornitori qualificati di Acque SpA ed hanno quindi superato l’iter di selezione riferito a parametri di qualità, sicurezza e tutela ambientale prescritti dalle procedure in vigore.
 
Nel 2015 sono stati evasi ordini per un totale complessivo d’imponibile dell'ordinato di euro 9.456.924,94.
 
- Le ricadute sul territorio
 
Dalla tabella e dal grafico si evidenzia, in linea generale, la positiva ricaduta generata sul territorio servito il 70% dell’ordinato è ricaduto sul territorio toscano.