Tu sei qui

Materialità

- L’analisi di materialità
 
Nel corso del 2015 il Gruppo Acque ha implementato un processo strutturato di identificazione, valutazione e prioritizzazione delle tematiche di sostenibilità in grado di influire in modo significativo sulla sua capacità di generare valore nel breve, medio e lungo termine, ovvero delle cosidette tematiche “materiali”.
 
Nell’esprimere il proprio commitment nei confronti dell’attivazione di tale processo, i vertici del gruppo (Amministratore Delegato, Presidente e i primi livelli dirigenziali) hanno esplicitato la volontà di utilizzare i risultati ottenuti non solo per indirizzare il reporting di sostenibilità del Gruppo, ma anche, e soprattutto, al fine di verificare e favorire la coerenza tra gli obiettivi complessivi del Gruppo e le tematiche emerse come materiali, così da fornire al top management le chiavi di lettura utilizzabili nella definizione delle strategie e degli obiettivi futuri.
 
L’analisi, progettata e facilitata da un team di ricercatori dell’Istituto di Management della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, è stata realizzata, in una prima fase, in modalità “desk” e ha successivamente beneficiato del contributo diretto dei vertici aziendali e degli stakeholder del Gruppo. Il processo ha preso avvio con una fase di analisi documentale (considerando il contesto documentale interno ed esterno) rivolta all’identificazione delle tematiche potenzialmente rilevanti per il Gruppo. 
 
Il processo di identificazione delle tematiche materiali è stato implementato con riferimento al Gruppo Acque nel suo complesso, facendo attenzione, per quanto possibile, a rilevare le specificità più significative delle aziende del Gruppo che rientrano nel perimetro di rendicontazione. L’analisi e la sistematizzazione dei risultati di questa prima fase hanno portato all’individuazione di 60 tematiche di sostenibilità potenzialmente rilevanti (17 economiche, 12 di governance, 18 sociali, 13 ambientali) sulle quali si sono basate le successive fasi del processo.
 
- La mappatura degli Stakeholder
 
Dopo aver individuato le tematiche, la Direzione del Gruppo ha identificato i propri Stakeholder in 10 grandi categorie ovvero: azionisti e partner, società del gruppo, istituzioni, busisness partner, utenti, lavoratorifornitori, ong e realtà associative, media e opinion leader, comunità scientifica.
 
Il progetto di valutazione della materialità per ciascun tema ha coinvolto sia i vertici aziendali che gli stakeholder, che hanno valutato non solo in termini generali la rilevanza delle singole tematiche individuate in fase di analisi documentale (con la possibilità di segnalarne eventualmente di nuove), ma anche di selezionare le tre tematiche ritenute più rilevanti tra tutte quelle proposte. La rilevazione si è svolta attraverso focus group guidati e attraverso una Survey Coerenza e rilevanza del Bilancio di sostenibilità” accessibile on-line mediante il sito di Acque SpA (per dipendenti e utenti domestici). Sono stati realizzati a questo scopo quattro incontri con i principali stakeholder o loro rappresentanze suddivisi per interessi comuni e due incontri con i vertici aziendali. I risultati del processo di individuazione delle tematiche materiali sono stati condivisi e validati dai vertici del Gruppo.
 
 
- Il processo di identificazione degli stakeholder
 
Il processo di identificazione degli stakeholder da coinvolgere nei focus group è descritto sinteticamente e in modo esemplificativo nello schema che segue:
 
 
 
Sono state identificate 10 categorie e 43 sottocategorie di stakeholder: