Tu sei qui

Remunerazione e incentivi

Le retribuzioni dei dipendenti (esclusi dirigenti e top management) sono determinate in applicazione del contratto collettivo nazionale vigente. La tabella mostra le differenze tra le retribuzioni lorde mensili in Acque SpA e quelle previste dal contratto collettivo nazionale. Il confronto tra lo stipendio minimo previsto dal contratto collettivo e quello minimo applicato in Acque è stato effettuato considerando il livello minimo di inquadramento esistente in azienda nelle tre categorie di lavoratori; il confronto è stato effettuato anche con lo stipendio medio per le tre categorie.
 
La differenza tra il minimo applicato in Acque e quello previsto dal contratto di lavoro è pari al 24,3% per i quadri, del 2,2% per gli operai ed è nulla per gli impiegati. Lo stipendio medio invece è superiore del 48% rispetto ai minimi contrattuali per i quadri, del 44% per gli impiegati e del 33% per gli operai.
 
Confronto retribuzioni lorde mensili

Stipendio minimo CCNL

Stipendio minimo Acque

Differenza %

Stipendio medio Acque

Differenza %

QUADRI

2.868,82

3.564,96

24,3%

4.245,96

48%

IMPIEGATI

1.598,70

1.598,70

0%

2.305,87

44%

OPERAI

1.598,70

1.634,19

2,2%

2.128,90

33%

 

Analizzando in prospettiva di genere il rapporto tra stipendio base e remunerazione totale si riscontra mediamente una differenza fra la retribuzione maschile e quella femminile che va dal 7 al 10% nelle categorie impiegatizie. Possiamo notare infatti come, aumentando la qualifica, tale differenza si assottigli fino a essere praticamente nulla fra i dirigenti.
 
Rapporto  stipendio base e remunerazione totale delle donne rispetto a quelli degli uomini per categoria

Stipendio base:

Remunerazione totale:

Dirigente 1,05

Dirigente 0,99

Quadro 0,93

Quadro 0,91

Impiegato 0,85

Impiegato 0,78

 
- Fondi pensione a contribuzione definita
 
I principali fondi pensionistici complementari di riferimento per i dipendenti di Acque SpA sono Previndai e Pegaso; il primo è riservato ai dirigenti, il secondo è dedicato al personale non dirigente inquadrato nei CCNL sottoscritti da Federutility per le imprese di pubblica utilità del settore elettrico e gas acqua. Il fondo Pegaso è gestito pariteticamente da Federutility in rappresentanza delle aziende del settore idrico elettrico e gas e dalle organizzazioni sindacali dei lavoratori Filctem-Cgil, Femca, Flaei-Cisl, Uiltec-Uil che lo hanno costituito.
 
Lavoratori a tempo indeterminato iscritti a un fondo di previdenza complementare
 

2013

2014

2015

Iscritti fondo contrattuale *

235

234

237

Iscritti fondo esterno

6

7

7

Percentuale sul totale lavoratori a tempo indet.

67%

67%

67%

*Sono compresi i dirigenti

 

- Premio di produzione
 
Tutti i dipendenti ricevono una valutazione della loro attività e dei comportamenti in sede di erogazione del premio di risultato tramite la verifica del raggiungimento degli obiettivi di settore e dei risultati derivanti dalla compilazione della scheda di valutazione dei comportamenti individuali effettuata da ciascun responsabile. Per quanto riguarda il premio di risultato 2014 (erogato nel 2015 a tutti i lavoratori, anche a quelli a tempo determinato e part-time), si è applicato un sistema basato su un importo di base uguale per tutti i lavoratori a seconda del livello e conforme al raggiungimento dei seguenti obiettivi:

1) risultati dell’azienda in termini di redditività e produttività (Margine Operativo Lordo migliorativo di quello previsto a budget).
 
2) Obiettivi specifici di settore/ufficio: ad ogni direzione aziendale, unità operativa, ufficio, vengono assegnati obiettivi specifici e caratteristici concordati con i responsabili di settore e comunicati alla RSU.
 
3) Obiettivo individuale. Smaltimento ferie ed ex festività.
 
4) Valutazione da parte del responsabile e condivisa con il dirigente di settore dell’impegno personale speso per il raggiungimento dei risultati aziendali.
 

Premio medio pro-capite lordo (Euro)

2013

1.935

2014

2.092

2015

2.455